condividi su Delicious condividi su Technorati condividi su Facebook condividi su Digg

Assistenza Sanitaria all'estero e agli stranieri

Cittadini Italiani residenti in altre Regioni se iscritti al SSN hanno diritto ad avere tutte le prestazioni sanitarie e socio-sanitarie classificate nei Livelli Essenziali di Assistenza (DPCM 29.11.2001)presentando la Tessera Sanitaria o TEAM e pagando gli importi di compartecipazione alla spesa (ticket) previsti a livello nazionale. Per le prestazioni che la Regione Veneto eroga in aggiunta ai LEA nazionali, esclusivamente per i propri residenti, i costi sono integralmente a carico dell’utente.

Cittadini Italiani residenti all’estero e rientrati temporaneamente in Italia : se iscritti all’AIRE e non assistiti da istituzioni estere, hanno diritto all’iscrizione temporanea al SSN e quindi a ricevere, per il periodo limitato al soggiorno, le prestazioni LEA secondo le modalità previste per i cittadini italiani residenti in Italia, qualora la loro ultima residenza sia stata in un comune del Veneto. Se, invece, non hanno avuto l’ultima residenza nel territorio del Veneto, hanno diritto alle sole prestazioni urgenti ospedaliere per un periodo massimo di 90 giorni, anche frazionabili nell’arco dell’anno solare.

Cittadini dell’Unione Europea, della Svizzera, della Norvegia, del Liechtenstein e dell’Islanda , in temporaneo soggiorno, hanno diritto all’assistenza sanitaria di base e alle prestazioni sanitarie necessarie ed ospedaliere presentando direttamente la tessera magnetica (TEAM).

Cittadini stranieri provenienti da paesi non comunitari con i quali sono in vigore accordi specifici in materia di sicurezza sociale (per es. Argentina, Australia,Brasile, Croazia, Stato del Vaticano …) devono presentare al Distretto di temporaneo soggiorno il modello convenzionale previsto per ottenere “l’allegato 6” che dà diritto all’assistenza sanitaria a carico del paese di provenienza, secondo quanto concordato e indicato per la tipologia del modello in loro possesso.

Cittadini stranieri provenienti da paesi non comunitari in regola con le norme di soggiorno e domiciliati in un comune dell’ULSS hanno diritto ad avere tutte le prestazioni sanitarie necessarie attraverso la relativa partecipazione alla spesa (ticket) e l’iscrizione obbligatoria al SSN (se con permesso di soggiorno per motivi di lavoro, motivi familiari e di ricongiungimento, asilo politico, motivi di salute, cittadinanza) o l’iscrizione volontaria al SSN (se il permesso di soggiorno è per motivi di studio, residenza elettiva, persone alla pari). Se, invece, il soggiorno è temporaneo (inferiore ai tre mesi ad es. per turismo, affari..) allora possono ottenere le prestazioni sanitarie e i servizi offerti dal SSN dietro pagamento, per intero, delle relative tariffe.

Cittadini stranieri provenienti da paesi non comunitari e non in regola con le norme di ingresso e soggiorno qualora privi di risorse economiche sufficienti possono sottoscrivere una dichiarazione di indigenza e per il rilascio di una particolare tessera sanitaria recante un codice denominato STP. In questo caso hanno diritto all’accesso alle sole cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti ed essenziali, ancorché continuative, per malattia ed infortunio con l’estensione dei programmi di medicina preventiva (vaccinazione e profilassi delle malattie infettive, tutela e cura della maternità e dell’infanzia, IVG…) a salvaguardia della salute individuale e collettiva secondo quanto previsto dall’art. 35 del D.Lgs 286/98.

Dove andare

Distretti Servizi Amministrativi

Ultima modifica : 23/04/2014

Contatti

Azienda ULSS n. 2 Marca trevigiana - Via S. Ambrogio di Fiera, n. 37 - 31100 (Treviso) | C.F. e P.IVA 03084880263 - www.aulss2.veneto.it

Casella di posta elettronica certificata: protocollo.aulss2@pecveneto.it